Oracolo caro

di Plastikhaare (Giulia Querin e Rachele Tinkham)

06-25 maggio 2022 • a cura di Adiacenze

nell’ambito di Art City Bologna

Esisteva, nel mondo antico, un’entità dai poteri sovrannaturali, tramite tra il mondo terreno e quello divino, che tutto conosceva e tutto prevedeva. Era l’Oracolo.

Il duo Plastikhaare (composto da Giulia Querin e Rachele Tinkham) reinterpreta questa lunga tradizione per dare vita, negli spazi di TIST, a un nuovo rito performativo.

Ad accogliere il visitatore è un ambiente asettico, neutrale, una ‘camera di decompressione’ che lo introduce mentalmente e fisicamente all’azione e gli fornisce le istruzioni necessarie per partecipare al rituale. “Qui tutto può essere esplorato […]”, si legge sulla parete, “L’Oracolo vi chiede di spogliarvi da pregiudizi e disillusioni, di tornare bambini, emozionandovi nella scoperta dell’altro […]”. È un invito a riattivare i propri sensi, a percepire lo spazio e le persone che ci circondano. Ora possiamo scegliere un indumento tra quelli disposti a terra e portarlo in dono agli oracoli-artiste, che ci attendono nella seconda stanza.

Scopriremo un luogo altamente immersivo e sinestetico, futuristico e arcaico insieme, che ci permette di avvicinarci a uno stato quasi meditativo, di riconnessione primordiale con le sensazioni del nostro corpo e con quelle provenienti dallo spazio. Qui Plastikhaare si presenta con le sembianze di due idoli, figure eteree senza sesso né età: legano insieme i vestiti che vengono loro offerti, tessono storie e persone, ricuciono le fila della comunità. Alle loro spalle, le loro proiezioni si stagliano su due grandi drappi che segnalano il centro dell’azione, come un altare: raddoppiati e smaterializzati in ologrammi provenienti forse da un altro tempo e spazio, gli oracoli compiono una danza di gesti in sequenza con cui entrano in contatto intimo con il proprio corpo e tra loro, fondendosi a tratti in un unico essere dalle multiple braccia. Il tempo è fluido, si dilata e contrae continuamente, ritmato dal lavoro, dai movimenti e dalla musica. Sonorità cyberspaziali creano cortocircuiti con i vestiti rituali delle artiste e i loro ornamenti in terracotta, materiale che appartiene alla storia più antica dell’uomo. La ceramica aderisce all’incarnato e al nylon come una seconda pelle che neutralizza, cancella i segni di un’identità riconoscibile per astrarsi da ogni schema, codice o definizione.

L’oracolo-Plastikhaare non è distante né superiore agli esseri umani, non allontana né incute timore reverenziale, perché non risponde a una vera divinità spirituale, quanto più al semplice desiderio di ricreare un senso di comunità che sia reale e percepito. Provate a parlarci, a interrogarle: non avranno saggezze o responsi da dispensare, ma vi inviteranno ad agire e interagire con lo spazio e con loro per la creazione di un grande ‘vello’-opera collettivo, simbolo di una nuova identità multipla, eterogenea e schizofrenica che ricerca e propone la via per un nuovo contatto empatico tra le persone, la realtà e noi stessi.

Testo di Giorgia Tronconi

Il sonoro della performance è a cura di Casablanca.

Subscribe

Let people know they can sign up to your audience and receive updates, or learn more about a product or service.

We use cookies to improve your experience and to help us understand how you use our site. Please refer to our cookie notice and privacy policy for more information regarding cookies and other third-party tracking that may be enabled.